Carissimi amici di San Carlo,

il nostro Governo ha deciso un’ulteriore stretta dei luoghi che possono rimanere aperti.
E’ chiaro che questo limita ancor di più gli spostamenti che devono essere motivati: lavoro, salute, alimentazione, emergenze vere. E’ anche necessario avere con sé l’autocertificazione.

Cerchiamo di accogliere queste nuove regole e di uscire di casa per davvero solo per queste necessità.
La chiesa continuerà ad essere aperta negli orari indicati (qui) per l’adorazione del Santissimo (pomeridiana) e per la preghiera personale. Magari cerchiamo di uscire una sola volta facendo un giro che ci consenta di espletare tutte le necessità della giornata, materiali e spirituali.

E’ difficile stare in casa tutto il giorno: lo è per i giovani e i ragazzi, ma lo è anche per gli anziani che possono sentire ancor di più il peso della solitudine. I più giovani possono utilizzare i social per stare con gli amici, i meno giovani possono utilizzare il telefono e mettersi in contatto con quelli che conosciamo. Aiutiamo i più anziani nei condomini chiedendo se hanno bisogno di qualcosa. Così ci sentiamo più soli e creiamo meno solitudini.

Ma possiamo dedicare un po’ di tempo in più alla preghiera, nei modi che più ci piacciono. Ciò che piace a noi piace anche al Signore.
Alcuni hanno scoperto la Liturgia delle ore che nei cellulari trasmette anche la liturgia cantata. Abbiamo una serie di preghiere in internet rivolte al Signore, alla Vergine Maria, ai Santi, anche per questo particolare tempo di epidemia.

Non facciamoci mancare questo cibo che ci alimenta, ci conforta, ci dà coraggio.
Preghiamo perché questo periodo di silenzio per tante attività sia ridotto al minimo e tutti possano riprendere vita, relazioni e festa.

Non dimentichiamo di pregare per coloro che sono vittime del coronavirus ma anche di tutti gli altri popoli colpiti da mali causati dalla natura e dalla cattiveria degli uomini.

Buona domenica detta della Samaritana. Il Signore dona a questa donna e a noi l’acqua viva non del pozzo, ma dalla sorgente che è Lui stesso.

Un caro saluto a tutti.

D. Antonio

14 marzo 2020